malassezia cani e gatti

Più frequente nel cane rispetto al gatto, si presenta maggiormente nei periodi piovosi.

Che cos'è la Malassezia

La Malassezia è un fungo presente naturalmente sulla cute di cani e gatti che nella maggior parte dei casi non provoca problemi. Talvolta però si verifica una proliferazione massiccia di questo lievito con conseguenti dermatiti e otiti. Entrambe sono spesso reazioni allergiche dell'animale. Trattandosi di un fungo, la Malassezia si presenta specialmente nei periodi piovosi e può interessare tutto l'inverno. Si trova in concentrazioni maggiori in alcune zone come le ascelle, le mucose, i contorni della bocca, negli spazi tra le dita e nelle orecchie.

La Malassezia può anche essere stata scatenata da altre cause come reazioni allergiche ai cibi, problemi al sistema immunitario, uso prolungato di farmaci. E' importante quindi individuare la causa primaria per poter intervenire efficacemente e rapidamente salvaguardando la salute dell'animale.

Sintomi e diagnosi della Malassezia

Le dermatiti da Malassezia si presentano con un prurito intenso che porta l'animale a grattarsi con insistenza causando anche lesioni autoinflitte, irritazioni, cattivo odore, forfora, pelle squamosa e perdita di pelo nelle zone colpite.

In caso di otite i sintomi principali sono forte prurito e formazione di cerume nelle orecchie dal cattivo odore. Infine, se la Malassezia deriva da allergie di tipo alimentare possono comparire anche disturbi legati all'intestino e allo stomaco, come diarrea o vomito.

La diagnosi della malattia può essere effettuata con un semplice esame al microscopio.

Come curare la Malassezia nel cane e nel gatto

Una diagnosi corretta e precoce è importante per contrastare efficacemente la malattia prima che si cronicizzi. Valutate le eventuali cause primarie, la cura specifica per la Malassezia prevede dei trattamenti topici come shampoo appositi e docce all'ozono, accanto a farmaci antimicotici e antibiotici da somministrare per via orale.

Infine non è da sottovalutare l'alimentazione. Bisogna individuare eventuali cause legate ad allergie o intolleranze e preferire alimentazioni ipoallergeniche per migliorare la risposta alle cure.

-

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy.

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

Hai acconsentito al collocamento dei cookie sul tuo computer. Questo consenso può essere revocato.