Giocare per crescere

Il gioco rimane poi importante per tutta la vita del cane, anche in età adulta.

Non solo perché si tratta di qualcosa che gli genera piacere ma anche perché lo aiuta a socializzare, sia con altri cani che con gli esseri umani e ad adattarsi all’ambiente nel quale si trova. Infine, non è da sottovalutare che il gioco rappresenti una valvola di sfogo importantissima. Animali sempre più sedentari, che conducono la loro vita in appartamento hanno bisogno dei momenti di gioco e svago anche per fare dell’attività fisica, fondamentale per una crescita equilibrata e per il benessere del cane adulto.

Fin da cucciolo il cane manifesta dei comportamenti e delle posizioni tipiche della fase di gioco, che manterrà anche da adulto. Così vederlo in una determinata posizione sarà segno del suo desiderio di giocare. Pensiamo, ad esempio, alla classica posizione ad inchino con le zampe anteriori piegate. Il gioco tra i cuccioli ha una funzione educativa fondamentale. Attraverso i morsi reciproci possono misurare e moderare la loro forza, rendendosi conto del momento in cui fanno male: così facendo queste esperienze insieme alla madre e ai fratelli il cucciolo impara l’autocontrollo. Ecco perché è importante il periodo dello svezzamento. Nulla può sostituire l’amore gli insegnamenti che la madre può dare ai suoi cuccioli.

Il periodo di svezzamento

Lo svezzamento ideale dura circa sessanta giorni ed è basilare non soltanto per l’alimentazione ma anche per lo sviluppo psicologico del cane. I cuccioli, privati di questo fondamentale periodo della loro vita, sviluppano più facilmente problemi comportamentali, che derivano proprio dalla mancanza di un’adeguata istruzione da parte della madre. Questi problemi possono essere anche gravi: da una semplice esuberanza o iperattività fino a comportamenti aggressivi sia nei confronti degli altri cani che nei confronti deli esseri umani.

Il gioco nell’età adulta

Soltanto per i cuccioli di cane è importante il gioco? Assolutamente no. L’attività ludica mantiene la sua importanza per tutta la vita del cane aiutandolo nel relazionarsi con i suoi simili. Infatti, durante il gioco il cane si rilassa ed entra in contatto con altri cani in modo costruttivo, tanto che il gioco continua ad avere una funzione educativa e di apprendimento anche nell’età adulta, e contribuisce a mantenere la capacità di gestire conflitti.

L’interazione con gli esseri umani, nella forma del gioco, insegna al cane ad interpretare i nostri comportamenti e le nostre espressioni e quindi a sviluppare relazioni amichevoli con tutti limitando l’aggressività e creando un sistema di gerarchie, importante nella relazione uomo-cane. Chi inizia il gioco è anche colui che lo termina, mantenendo una sorta di controllo sull’altro. Questa regola vale sia nel gioco tra uomo e cane che tra i cani.

Infine attraverso la modalità giocosa è possibile stimolare nel cane quei comportamenti innati che altrimenti sarebbero dannosi: ad esempio il mordere e stracciare una stoffa o un pupazzo di panno. È un innato istinto del cane, che attraverso il gioco, viene indirizzato a specifici oggetti inanimati e non crea problemi nell’abitazione. Per questa soluzione è l’ideale utilizzare giocattoli destinati ai
cani, appositamente creati con materiali non dannosi per la sua salute.

Tra i giochi utili nel creare un buon rapporto cane padrone, la palla si rivela particolarmente utile e piacevole. Lanciare la palla, o un altro oggetto, affinché il cane la riporti per continuare il gioco, crea un legame di fiducia e insegna un corretto rapporto con le cose, evitando forti attaccamenti agli oggetti. Un cane capace di giocare correttamente è un così un cane felice ed equilibrato.

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy.

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

Hai acconsentito al collocamento dei cookie sul tuo computer. Questo consenso può essere revocato.